Acque. Inquinamento idrico e del suolo. Avvelenamento, pericolosità scientificamente accertata, limiti di soglia. Obblighi di comunicazione e bonifica e ruolo del proprietario del terreno. Cassazione Penale n. 48548/2018.

Cass. Pen., Sez. IV, sent.n. 48548 del 24 ottobre 2018 (ud. del 25 settembra 2018) Pres. Fumu, Est. Pezzella Acque. Inquinamento idrico e del suolo. Avvelenamento delle falde acquifere. Natura di reato di pericolo presunto. Sversamento accidentale. Pericolosità scientificamente accertata. Mero superamento dei limiti tabellari. Potenzialità di nuocere alla salute. Artt. 242, 257, 304 d. […]

Rifiuti. Bonifica dei siti, ripristino ambientale, destinatari dell’obbligo, responsabilità dell’evento inquinante; emissioni in atmosfera, modifiche sostanziali e non sostanziali, ipotesi di reato e di sanzione amministrativa. Cassazione Penale.

Cass. Pen., Sez. III, sent. n. 12388 del 15 marzo 2017 (ud. 21 febbraio 2017) Pres.Fiale, Est. Ramacci RIFIUTI – Mancata comunicazione e reato di cui all’art. 257 d. lgs. n. 152/2006. Danno ambientale. Sversamento di fluidi. Responsabile dell’inquinamento. Messa in sicurezza e immediata comunicazione. Artt. 242, 256, 257, 269 , 279 e 304 d. […]

Rifiuti. Ordinanza di rimozione, richiesta di informazioni del Ministero dell’Ambiente, atto potenzialmente lesivo, esclusione. T.A.R. Brescia.

T.A.R. Lombardia, Brescia, Sez. I, sentenza n. 146 del 2 febbraio 2017 (ud. 14 dicembre 2016) Calderoni, Pres. Calderoni, Est. Bertagnolli Rifiuti. Ordinanza di rimozione. Minaccia imminente di danno ambientale. Richiesta di informazioni da parte del Ministero dell’Ambiente. Art. 304 d. lgs. 152/2006.  Atto potenzialmente lesivo. Esclusione. L’art. 304 del d. lgs. n. 152/2006, che […]